ads

Depressione post partum. Come prevenire?

 

Depressione post-partum. È possibile prevenirla? Se sì, come?

Ebbene sì, oggigiorno sono moltissime le donne che in stato di gravidanza devono trovarsi di fronte alla depressione post-partum, quasi l'80%. Ma non scoraggiatevi! Delle ricerche attestano che è possibile sia prevenirla che curarla. In primo luogo andiamo ad esaminare quali solo i sintomi.

I sintomi

La depressione post-partum si può manifestare sia in modo lieve (chiamate anche baby blues), che in modo più grave (quest'ultima è la più rara). È anche vero che, dato che le donne molto spesso tendono a minimizzare ogni segnale, potrebbero non accorgersi subito di quello che gli sta accadendo.
Un espero ha detto che i sintomi più frequenti sono legati al baby blues, prima citato, chiamato anche maternity blues. Vi chiederete di cosa di tratta. Esso è caratterizzato da una specie di tristezza che colpisce 4-5 giorni dopo il parto e la sua durata è al massimo di 7 giorni. In questo periodo alcuni dei sintomi potranno anche essere: irritabilità, difficoltà di concentrazione, pianto e ansia. Ma quali sono le cause di tutto ciò?

Cause
Tutto accade per una causa. Nel caso della depressione post-partum la causa principale sono gli ormoni. Sì, tutto succede a causa dei forti cambiamenti di quest'ultimi. Essi intercedono nel corpo della neo-mamma subito dopo aver partorito.
Altri motivi possono essere anche: l'ansia per questo nuovo tipo di responsabilità e il forte stress.

Ma come abbiamo detto in precedenza, essa si può prevenire. Come? Lo si può fare in vari modi:
- Evitando discussioni, esse abbattono molto psicologicamente;
- Non trascurare i propri affetti, come le amicizie e la famiglia, perchè saranno proprio loro a poter contribuire al vostro benessere;
- Date vita a un forte legame tra voi ed il vostro bimbo, ridurrà la possibilità di cadere in depressione.
- Prendete del tempo per voi e non trascurate il vostro compagno;

In questo modo potrete evitare la depressione post-partum.


 
depressione-post-partum-come-prevenire
 
 
 
 

Guarda anche