ads

I bambini come allergie alimentari: come affrontare la mensa scolastica?

 
Stando ai dati del Ministero della Sanità, il numero dei bambini che soffrono di allergie alimentari è in costante aumento in tutte le regioni d'Italia. Le allergie alimentari, infatti, interesserebbero il 2-3% dei bambini sotto i tre anni, l'1-3% di quelli in età scolare e prescolare e l'1% degli adolescenti in generale. Dunque appare evidente che la fascia di età più interessata sia proprio quella dei piccoli, ovvero i bambini che frequentano asili nido, scuole materne e scuole elementari, istituti che quasi sempre sono dotati di mense scolastiche dove i bambini mangiano tutti assieme quello che è previsto in un menù fisso. Cosa devono fare dunque i genitori di bambini che presentano una qualche forma di allergia? Ancora oggi, nonostante la crescente sensibilizzazione al problema da parte dell'opinione pubblica, ci sono molte resistenze da parte degli istituti ad accettare i bambini allergici e i loro alimenti. La resistenza deriva dalla paura che possa accadere qualcosa, e tale paura può essere affrontata solo con una corretta informazione; i primi a essere informati dell'argomento devono essere gli insegnanti e tutto il personale scolastico, che deve essere in grado di mettere a proprio agio il bambino che spesso si sente non accettato, diverso da tutti gli altri bambini della sua età. La famiglia deve inoltre affrontare notevoli problemi economici, dovuti principalmente all'acquisto di cibi alternativi, che il personale in mensa dovrebbe essere in grado di cucinare in maniera sempre diversa e fantasiosa, per evitare menù ripetitivi che fanno sentire i bimbi allergici ancora più diversi dagli altri.
 
i-bambini-come-allergie-alimentari-come-affrontare-la-mensa-scolastica
 
 
 
 

Guarda anche