ads

Un bambino che legge sarà un adulto che pensa

 
La lettura, per un bambino, oltre ad essere un momento di condivisione con gli adulti e a dare un notevole contributo al suo sviluppo, concorre ad aumentare la sua intelligenza. La rivista Child Development ha pubblicato i risultati di una ricerca eseguita al King's College di Londra con la collaborazione di alcuni esperti dell'Università di Edimburgo, secondo i quali la lettura è un'abilità fondamentale per migliorare l'intelligenza dell'individuo e, proprio per questo, è da potenziare fin dai primi anni di vita. Questo studio ha evidenziato che i bambini che già a sette anni eccellevano nel modo di leggere, si sono poi dimostrati più intelligenti in test eseguiti in fasi successive a nove, a dodici ed, infine, a sedici anni. Le verifiche sono state eseguite su un campione omogeneo di 1.890 bambini nell'età compresa tra i sette e i sedici anni. La ricerca si basa sul fatto che la lettura è un'attitudine che si può affinare con la perseveranza e l'impegno, inoltre, riesce a migliorare le doti verbali e la comprensione oltre a numerose capacità cognitive (attenzione, memoria, percezione, gestione informazioni, ecc..). E' certo che l'abilità nella lettura del bambino, unitamente ad altre discriminanti, può influenzare in modo favorevole il quoziente intellettivo in età adulta. E' molto importante, quindi, risolvere precocemente eventuali disturbi nel campo della lettura per scongiurare un deficit nelle capacità di ragionamento.
 
un-bambino-che-legge-sara-un-adulto-che-pensa
 
 
 
 

Guarda anche